giovedì 25 dicembre 2014

Nutellotto vegan






A cura di Paola Laura Fabbri
L’inventore di questo fantastico dolcetto merita il premio Nobel, l’Oscar, e tutti i premi che ci sono in circolazione. Ho cercato le origini di questo capolavoro che impazza sul web, ma non ho trovato informazioni a riguardo e nemmeno una versione vegan. Questo è il mio tentativo. Mi sono limitata ad eliminare l’uovo. Le ricette che si trovano sono tutte uguali. SCONSIGLIO di usare la nutella della nota ditta, primo perché non è vegan secondo perché è uno dei prodotti più schifosi in commercio. Io evito anche quelle di ECOR contengono ingredienti inutili e hanno un disgustoso sapore di cera. TEO & BIA forever, oppure crema spalmabile autoprodotta. Il profumo che esce dal forno durante la cottura è indescrivibile
Ingredienti
180 gr. di Teo&Bia, grandioso sostituto delle disgustosa Nutella. Teo & Bia contiene solo nocciole, zucchero di canna e cacao
150 gr. di farina, quella che preferite
80 gr. di bevanda vegetale io ho usato soia al cioccolato (in sostituzione dell’uovo richiesto dalla ricetta originale)
100 gr. di Teo & Bia per la farcitura
Versare la Teo & Bia in una terrina e mescolarla per ottenere un composto liscio. Aggiungere la farina setacciata e incominciare ad impastare aggiungendo un po’ alla volta il latte vegetale. Formare delle palline da 45 gr. e posizionarle su una teglia rivestita di carta da forno. Con il dietro di un cucchiaio di legno, praticare un foro nel centro ad ogni pallina, servirà per contenere la farcitura. Cuocere in forno ventilato preriscaldato a 170°C per 10 minuti oppure a 150°C per 15 minuti sempre preriscaldato se usiamo il forno statico. Far raffreddare e farcire con altra Teo & Bia
L’IMPORTANTE E’ ESAGERARE diceva Enzo Jannacci, quindi esageriamo: serviamo i nutellotti su un letto di zabaione e qualche grattatina di scaglie di cioccolato
Per lo zabaione:
Per lo zabaione
Ingredienti:
80 gr. di miglio
1 litro di latte di soia alla vaniglia
70 gr. di zucchero di canna
150 gr. di Marsala o passito di Pantelleria
Mescolare il miglio con lo zucchero, unire il latte di soia alla vaniglia e cuocere a fuoco bassissimo per circa un'ora, mescolando continuamente per evitare che si attacchi sul fondo. A cottura ultimata unire il Marsala e frullare il tutto con un frullatore ad immersione, alla massima velocità. Per ottenere un composto più fine, passare la preparazione attraverso un colino a maglie fitte, ci vuole un po’ di pazienza ma il risultato è decisamente migliore



0 commenti:

Posta un commento