mercoledì 10 febbraio 2016

Kwarezimal vegan qua-ri-zee-Mull, biscotti quaresimali maltesi




La parola kwarezimal si riferisce alla quaresima, questi biscotti non contenendo grassi e uova non andavano ad interferire con le norme di digiuno stabilite per il periodo della quaresima
A cura di Paola Laura Fabbri
200 gr. di farina di mandorle
150 gr. di farina, quella che preferite
130 gr. di zucchero, quello che preferite
6 gr. (un cucchiaino) di lievito vegan per dolci
5 gr. di spezie miste (cannella, noce moscata, chiodi di garofano)
zest (buccia grattugiata) di un limone
zest di un’arancia
50 gr. di succo d’arancia
15 gr. di cacao puro
10 gr. (due cucchiaini) di acqua di fiori d’arancio. Sconsiglio le fialette tipo Cameo
50 gr. di acqua a temperatura ambiente
Setacciare la farina di mandorle,la farina, lo zucchero, il cacao le spezie le scorze di agrumi e il lievito. Aggiungere il succo d’arancia e l’acqua. Impastare il tutto. Formare un rotolino e tagliarlo a fette spesse 3 cm. circa. appiattirle dandogli una forma oblunga. Sistemare i biscotti su una teglia rivestita di carta da forno. cuocere per 18 minuti circa in forno preriscaldato a 200°C. Una volta raffreddati cospargerli di mandorle o altra frutta secca tritata grossolanamente, tostata e saltata in padella per 4-5 minuti con due cucchiai di sciroppo di zucchero di canna oppure malto o sciroppo di mais ecc… in sostituzione del miele richiesto nella ricetta originale.

2 commenti:

la cucina di Jorgette ha detto...

che golosi questi biscottini...ne vorrei uno adesso!!!!

Paola Laura Fabbri ha detto...

:-) Purtroppo non ho mai assaggiato gli originali quindi non ho termine di paragone. Mi è stato richiesto da un amico maltese se potevo veganizzare alcuni dolci della sua tradizione. Ho preso le ricette che mi ha passato e ho tentato la versione vegan. Mi chiedo spesso "chissà come sono quelli originali!

Posta un commento