domenica 30 giugno 2013

Vegan Torta della nonna (la torta più semplice del mondo)




Riguardo l’origine di questo dolce ci sono diverse versioni, certo è che le nonne non c’entrano nulla. Alcuni sostengono che sia un dolce tipicamente ligure ma diffuso anche in Toscana. Altra versione  indica origini fiorentine. La creazione di questo dolce è attribuita al al cuoco Guido Samorini che creò per scommessa questa torta. Nel suo locale chiamato "San Lorenzo", alcuni clienti erano stanchi dei pochi dolci che la cucina tipica offriva e gli chiesero una sorpresa per la settimana successiva. Samorini gli presentò quel piatto che piacque molto sia nel gusto che nella novità: "La torta della nonna", o "Torta con i pinoli".
Ricetta
A cura di Paola Laura Fabbri

Ingredienti:

Per la pasta frolla
150 gr. di farina
150 di amido di mais
100gr. di zucchero di canna
150 gr. di burro vegetale
Un pizzico di sale

Per la decorazione
Pinoli
Zucchero di canna a velo

Mescolare gli ingredienti secchi, unire il burro vegetale freddo e intridere con la punta delle dita. Impastare velocemente e far riposare almeno un’ora in frigorifero.
Preparare la farcitura

Crema pasticcera
Ingredienti:
600 gr. di latte di soia alla vaniglia o qualunque latte vegetale,
30 gr. di farina 00,
12 gr. di amido di mais,
60 gr. di zucchero di canna oppure succo d'agave o malto
Diluire in una ciotola gli ingredienti secchi con 100 grammi di latte, portare ad ebollizione il latte rimanente e versarlo sul composto di farina , amido e zucchero, cuocere a fuoco basso per circa 3-4 minuti mescolando continuamente con una frusta.


Stendere metà della pasta frolla alla spessore di 5mm. Foderare uno stampo per crostata con la frolla, bucherellare e cuocere in bianco (solo la pasta senza farcitura), per 25 minuti. Togliere da forno, riempire con la crema pasticcera. Stendere l’altra metà della pasta a 2 mm. di spessore. Coprire la torta, cospargere con i pinoli, infornare nuovamente e cuocere per 15 minuti. Far raffreddare e spolverare con lo zucchero a velo

0 commenti:

Posta un commento